Martedì, 07 23rd

Last updateMer, 03 Lug 2024 8am

Blog

La Sardegna diventa il laboratorio ideale per una ripartenza dai piccoli borghi

L'architetto di fama internazionale Stefano Boeri, dopo aver lanciato la proposta di un "grande progetto nazionale" di ripartenza dai borghi italiani, guarda alla Sardegna come il laboratorio ideale per la rinascita e il ripopolamento dei piccoli borghi. L'architetto mette ancora una volta in luce le grandi potenzialità dei piccoli comuni immersi nella natura, a cui guardare non solo come i rifugi ideali per una vacanza lontana dalla frenesia urbana, ma come luoghi da abitare e su cui investire in progetti a lungo termine.

L'autorevole intervento di Stefano Boeri, affezionato alla nostra isola, contribuisce a porre l'attenzione su quella che ormai è una realtà tangibile: in Sardegna è necessario portare avanti un grande intervento di rigenerazione urbana che garantisca una maggiore accessibilità in termini di infrastrutture tecnologiche e di collegamenti interni. L'architetto afferma: <straordinari piccoli centri in Sardegna già investiti dallo spopolamento e altri che vivono questo fenomeno in modo avanzato. Per ripopolarli bisogna lavorare sulla banda larga, che deve arrivare ovunque. E poi sulla accessibilità. Non ce lo nascondiamo: il collegamento ferroviario in Sardegna è una follia. Se l'isola avesse una rete ferrata efficiente, con una serie di nodi ferroviari da cui si possa accedere con facilità riducendo i tempi, questo sarebbe un aiuto enorme ai piccoli>>.

Nella nostra isola esiste una fitta rete di piccoli borghi certificati, tra i quali la sola rete dei Borghi Autentici d'Italia conta 45 comuni (incluse tre Unioni di Comuni), la maggior parte localizzati nell'area dell'entroterra. I borghi, custodi di storia e tradizioni da preservare e tramandare, sono impegnati in percorsi di sviluppo sostenibile volti a valorizzare i patrimoni locali e mantenere vive e attive le comunità.

La Delegazione sarda dei Borghi Autentici d'Italia negli ultimi anni si è distinta nell'attività di supporto all'Assessorato Regionale al Turismo, sia nella predisposizione della Legge sul Turismo (art. 39 della Legge n. 16/2017- Rete dei Borghi della Sardegna), sia nella formulazione delle linee guida per l'adesione alla Rete dei Borghi caratteristici della Sardegna. Il confronto tra i comuni ha facilitato l'emergere dei bisogni e delle esigenze dei territori e, sulla base di questi, ha permesso l'elaborazione e la presentazione di proposte concrete che intercettano i valori di messa in qualità dei luoghi, sostenibilità e resilienza insiti nel "Manifesto dei Borghi Autentici d'Italia".

Recentemente, l'Assessorato Regionale del Turismo ha autorizzato il finanziamento del programma integrato proposto dalla Delegazione sarda dei Borghi Autentici, dedicato alla promozione dell'Ospitalità e finalizzato allo sviluppo e alla valorizzazione turistica dei piccoli borghi.

Il concetto di ospitalità sta alla base del disegno di sviluppo dei Borghi Autentici: la Comunità Ospitale è quel luogo in cui i visitatori riescono a sentirsi a casa, diventando veri e propri cittadini temporanei, accompagnati dai ritmi dolci della vita del borgo.

È proprio a partire dalla valorizzazione della rete dei borghi sardi e dall'impegno sinergico dei nostri piccoli comuni che si dovrebbe pianificare una ripartenza capace di vivere in modo nuovo le criticità, trasformandole in opportunità. L'architetto Stefano Boeri immagina per il prossimo 21 novembre una grande riunione all'aperto, intorno al millenario ulivo di Luras, in cui riflettere sull'importanza e il valore degli alberi: <<È importante, in un momento difficile come questo, imparare dalla loro capacità di resistere, pur non potendo spostarsi, agli incidenti del clima e dell'ambiente>>.

Così i piccoli borghi, grazie alla loro forte capacità di resilienza, diventano i veri protagonisti della ripartenza, ma necessitano di maggiore tutela e valorizzazione da parte delle amministrazioni centrali. È questo il parere della Delegazione sarda dell'Associazione Borghi Autentici d'Italia, che crede fermamente nelle potenzialità dei borghi, non solo in quanto apprezzate mete turistiche stagionali ma soprattutto in quanto luoghi capaci di accogliere progetti di vita a lungo termine, nel tentativo di invertire la tendenza allo spopolamento.

Sei qui: Home Blog La Sardegna diventa il laboratorio ideale per una ripartenza dai piccoli borghi
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS